Sei in Home > Canale Attrezzature tecniche > Shopping, come e perché
Shopping, che piacere!

Shopping, che piacere!

... non per tutti, però

Fare acquisti... Un grande piacere per molti! Chi non conosce quella strana sensazione di “voglia”, quel prurito alle mani, quella specie di mal di pancia che di tanto in tanto ci assale e che non riusciamo a tenere sotto controllo se non precipitandoci fuori di casa a comprare qualcosa?

Quello di fare shopping è probabilmente un istinto più forte di quanto possiamo, o vogliamo, immaginare.

La capacità di controllare i propri acquisti è caratterizzata da una tendenza a limitare quantitativamente le spese sia rispetto alle risorse che rispetto ai propri bisogni. Inoltre, un acquisto equilibrato generalmente corrisponde ai propri desideri.

Ci sono però casi in cui si scatena il consumo incontrollato del superfluo e di prodotti che non rispondono sempre ai propri gusti. Sono i segnali tipici della presenza di shopping compulsivo (o acquisto compulsivo): un tipo di disturbo psicologico nel quale i soggetti, soprattutto donne di giovane età, se inizialmente comprano per il piacere che si ricava da un nuovo acquisto, in seguito riportano uno stato di tensione crescente, ed il desiderio di comprare diventa un impulso irrefrenabile, necessario ad alleviarla.

È stata in particolare la studiosa statunitense S.L. McElroy ad occuparsi di questo fenomeno, proponendo i seguenti criteri diagnostici per distinguere le persone che praticano lo shopping come una normale attività, da quelle per cui esso assume caratteristiche patologiche:

1. Tra le caratteristiche psicologiche dei soggetti più vulnerabili si descrivono una bassa autostima, il bisogno di complimenti e conferme del proprio aspetto fisico, ma anche la necessità di riempire il proprio vuoto interiore con gratificazioni da parte delle persone vicine.

2. La preoccupazione, l’impulso o il comportamento del comprare sono esperiti come irresistibili, intrusivi o insensati; gli affetti da questa patologia avvertono il bisogno di comprare - frequentemente al di sopra delle proprie possibilità economiche - oggetti inutili o di cui non hanno bisogno. Ciò che conta è comprare, soddisfare un bisogno inderogabile e imprescindibile che spinge a entrare in un negozio e uscirne carichi di pacchi.

3. La preoccupazione, l’impulso o l’atto del comprare causano stress marcato (per cui il mancato acquisto crea pesanti crisi di ansia e frustrazione), fanno consumare tempo, interferiscono significativamente con il funzionamento sociale e lavorativo o determinano problemi finanziari (indebitamento o bancarotta).

4. Il comprare in maniera eccessiva non si presenta esclusivamente durante i periodi di mania o ipomania: frequentemente gli acquisti si ripetono più volte in una settimana.

5. In seguito all’acquisto compulsivo di oggetti d'ogni tipo, che il più delle volte vengono messi da parte o regalati oppure buttati via, si riscontrano molto spesso sentimenti di colpa e vergogna.

Al primo posto tra gli oggetti della "febbre da acquisto", per quanto riguarda le donne, ci sono i capi d'abbigliamento, seguiti da cosmetici, scarpe e gioielli: tutti elementi riconducibili all'immagine. L'uomo, invece, predilige simboli di potere e prestigio come telefonini, computer portatili e attrezzi sportivi.


Lasciando da parte i casi “patologici” e quelli in cui ci si trova costretti ad accompagnare qualcun altro che "vuole compagnia", però, per la maggior parte di noi il momento dello shopping si trasforma in piacere soprattutto quando ci rechiamo ad acquistare qualcosa a cui teniamo in prima persona, e che ci soddisfa già solo per il semplice fatto di pensarci.

La galleria di Verona - oggettistica e articoli da regalo in centro a verona
articoli sportiviprodotti esteticiattrezzature tecnicheerboristeriearticoli medicaliidee regalo per sportiviAlterline communication - VeronaContattiPrivacyIl club BeautyfitPubblicita' su Beautyfit - info e costiCanale sportCanale attrezzature tecnicheCanale alimentazioneCanale medicinaCanale esteticaTorna all'homepageCura della personaProdotti sotto inchiestaPersonalita' degli acquirentiL'arte di comprareBricolage del benessereCuriosita'