centri estetici
Sei in Home > Canale Estetica > Centri estetici > Occhi
Occhi
Gli occhi: struttura e funzionamento | I principali disturbi | Trattamenti quotidiani | Il trucco | Altri accorgimenti

Gli occhi: struttura e funzionamento

Conoscerli per curarli al meglio

Organi perfettamente sferici, inseriti nelle orbite, gli occhi sono protetti da un tessuto adiposo che li mette al riparo da eventuali traumi.
Il bulbo oculare è pieno di una sostanza chiamata corpo vitreo, caratterizzata da una copertura esterna dura e opaca (sclera) che nella parte anteriore diventa trasparente (cornea).

Dietro la pupilla c'è il cristallino, la cui dimensione è controllata dai muscoli ciliari. Il compito del cristallino è di dirigere i raggi di luce che entrano nell'occhio in modo che I'immagine dell'oggetto visto sia messa a fuoco sulla retina. Il cristallino è lungo e sottile quando mette a fuoco gli oggetti lontani, e più spesso quando, in seguito alla contrazione dei muscoli ciliari, guarda gli oggetti da vicino.

La retina è una parte sensibile alla luce ed è costituita da un tessuto nervoso. Da alcune delle sue cellule dipende la visione particolareggiata degli oggetti e la percezione del colore. Da altre dipende la percezione del movimento. Sono queste ultime che ci permettono, fino a un certo punto, di vedere al buio.

Nell'angolo esterno della palpebra superiore ci sono le ghiandole lacrimali. Esse si aprono sull'occhio attraverso dotti che corrono lungo l'orlo della palpebra superiore. Le lacrime lubrificano l'occhio e le palpebre, sollevandosi e abbassandosi, le eliminano dal bulbo oculare. Il battito delle palpebre fa sì che le lacrime siano risucchiate nell'angolo interno dell'occhio; da questa zona scorrono nel sacco lacrimale e poi nel canale che porta al naso. Le lacrime lavano in continuazione l'occhio, mantenendolo pulito ed eliminando le sostanze nocive. Insieme al sale, le lacrime contengono il lisozima, una delle sostanze antibatteriche naturali più attive, che protegge l'occhio dalle infezioni.

Ogni occhio ha tre coppie di muscoli che lo muovono in alto e in basso, a destra e a sinistra. Quando i muscoli dei due occhi sono perfettamente sincronizzati ed equilibrati fra di loro, la vista è normale. Quando un muscolo è più forte del suo corrispondente dell'altro occhio, ne risulta lo strabismo.

Un tempo si credeva che non facesse bene portare gli occhiali da sole perchè esporre al sole gli occhi li rafforzava, mentre portare gli occhiali li indeboliva. In realtà l' esposizione prolungata al sole può provocare la cataratta al cristalllino. Meglio quindi usare gli occhiali da sole.

Il fastidio causato dalla luce del sole dipende nel modo in cui i raggi colpiscono la retina in tutte le direzioni e contemporaneamente. Se i raggi di luce vengono polarizzati prima di entrare nell'occhio così da raggiungere la retina da una sola direzione, il riverbero è attenuato. Questo è il compito degli occhiali da sole.

Se gli occhi fanno male e sono asciutti -specie dopo aver tenuto un oggetto troppo vicino- è perchè ci siamo dimenticati di chiuderli spesso: basta chiudere gli occhi qualche volta, in modo che il bulbo sia bagnato dalle lacrime e si elimini l'aridità.
Non ci sono lozioni o gocce per gli occhi che li irrorino come le lacrime. Un buon modo per inumdirli è sciogliere un cucchiaino da tè di sale in un bicchiere d'acqua e con le dita ben pulite o un dosatore versare due o tre gocce in ogni occhio.

Pubblicita' su Beautyfit - info e costiContattiPrivacyIl club BeautyfitAlterline communication - Veronatutte in citta'tutte in provinciaCentro / San ZenoVeronettaPonte Catena / SavalPonte Crencano / PindemonteAvesa / Quinzano / ParonaBorgo TrentoBorgo Milano / StadioSan MassimoBorgo VeneziaBorgo Trieste / PortoSan MicheleZAI / Borgo Roma / Santa LuciaCanale esteticaCanale attrezzature tecnicheCanale alimentazioneCanale medicinaCanale sportTrattamenti visoTorna all'homepageMake-upSenoPeeling e scrubDepilazioneLabbraManicurePedicureNuove tecnologie