Medicina
Sei in Home > Canale Medicina > Stress
Stress

Lo stress

Imparare a curarlo

La condizione di stress è estremamente dannosa perché ha un forte effetto immunodepressivo e provoca un disagio psico-fisico che può avere ripercussioni importanti sulla salute. L’ormone dello stress, infatti, è il cortisolo che tra i suoi effetti principali ha quello di ridurre in vari modi l’attività immunitaria eliminando i linfociti.

In alcuni casi lo stress può essere anche positivo se l'evento viene percepito come sfida ed affrontato con adeguate competenze sociali (si parla allora di eustress). Quando invece lo stress è nocivo si parla di distress dovuto ad un sovraccarico di energia non adeguatamente canalizzata che rimane paralizzata e senza sbocchi.

In questi casi possono verificarsi disturbi psicosomatici (come asma, ulcere, dermatiti), comportamenti disadattivi (che portano a volte alla dipendenza da sostanze) e i vari disturbi psichiatrici.

Quando ci assale la sensazione di "non farcela più", in temini tecnici si parla di burn-out. Il burn out è una perdita d’interesse da parte del soggetto a tutte le sue normali attività, e si caratterizza da un esurimento psico-fisico con conseguenze come la depersonalizzazione e una minore produttività.

Per accertarsi che il malessere sia dovuto allo stress, occorre fare una visita medica che escluda disturbi fisici che possono provocare sintomi simili.

È importante riuscire a fronteggiare lo stress e quindi rilassarsi. Per rilassamento solitamente si intende una distensione a livello fisico e psichico. Il rilassamento muscolare, infatti, determina tranquillizzazione psichica.

Ci sono molti metodi psicologici di distensione, che possono essere divisi in due categorie:

- distensione eteroindotta, provocata da fattori esterni al soggetto come l’ipnosi. Lo stato ipnotico è fonte di rilassamento e si presenta simile al sonno. In tale situazione il campo di attività del soggetto ipnotizzato si restringe al solo compito suggerito dal terapeuta.

- distensione autoindotta, provocata direttamente dal soggetto attraverso una partecipazione attiva. Questi metodi comprendono varie tecniche, dalla meditazione trascendentale allo yoga, al training autogeno.

Esistono però tecniche per fronteggiare lo stress sia a livello personale che interpersonale. Nel primo caso, innanzitutto, bisogna provare a modificare il proprio atteggiamento mentale nei confronti dello stress, cercando di gestire la propria percezione di esso; utili risultano anche pause che distraggono la mente e distendono il soggetto sia fisicamente che mentalmente.

A livello interpersonale bisogna modificare il rapporto con l’ambiente esterno, cercando di essere meno vulnerabili.

E' di fondamentale importanza riuscire sempre a mantenere il controllo ed osservare ciò che ci accade da una prospettiva diversa. Lo stress invece spesso porta ad un atteggiamento di vittimismo che ci impedisce di vedere gli eventi con lucidità.

chirurgia esteticamedicina sportivamedicina naturaledietologiadermatologiaestetica dentaleOrtopediaOmeopatiaAlterline communication - VeronaIl club BeautyfitPrivacyContattiPubblicita' su Beautyfit - info e costiCanale medicinaCanale attrezzature tecnicheCanale alimentazioneCanale sportCanale esteticaAnatomia umanaFisiologiaLa memoriaAntropometriaDiagnostica bioelettronicaGlossario di medicinaTrattamenti biomediciHome