Sport di combattimento
Sei in Home > Canale Sport > Sport di combattimento > Lotta libera
Lotta libera

La lotta olimpica

Una "battaglia" per bloccare il rivale

La lotta è uno sport che appartiene alle origini dell’uomo. Già dalle antiche civiltà gli uomini hanno gareggiato attraverso questo sport, tanto che fu introdotta nei Giochi Olimpici dell'antichità nel 708 a. C. (sedicesima Olimpiade) insieme alla corsa.

Anche oggi la lotta resta tra gli sport più diffusi al mondo, ed è specialità olimpica fin dalla primissima edizione dei Giochi moderni (Atene-1896).

La moderna gara di lotta - che è molto dura e richiede notevole resistenza - si svolge in due assalti della durata di 3 minuti intervallati da un riposo di 30 secondi che hanno l’obiettivo di far cadere il rivale sulla schiena (con entrambe le spalle a contatto col tappeto). Se questo non succede, la vittoria viene assegnata a chi ha totalizzato la maggior quantità di punti (attribuiti dai due giudici di gara).

La lotta olimpica si suddivide in due specialità: libera e greco-romana. Nella libera (che è una specialità mista, cioè prevede sia la categoria maschile che femminile) sono permesse sia le prese di gambe che di braccia, e l’avversario può esser afferrato in qualunque parte del corpo, eccetto viso e genitali. In quella greco-romana, invece, non sono ammessi colpi al di sotto della cintura e le gambe dei due contendenti non possono entrare in contatto.

Il combattimento si svolge su una piattaforma imbottita sulla quale è disegnata una circonferenza di lato 7 metri (parte interna, definita zona centrale di lotta) circondata da un metro di area chiamata zona di passività: quando un contendente entra in questa zona, viene considerato in ritirata e l’arbitro deve richiamare la sua attenzione.

Il repertorio delle mosse e delle diverse tecniche di combattimento a disposizione dell'atleta è molto vario perché i cinque colpi consentiti possono essere effettuati in ogni posizione. Uno degli aspetti più spettacolari sono le prese in cui l’avversario viene lanciato in aria.

Le categorie della lotta (identiche per entrambe le specialità) sono diversificate in base al peso, e precisamente:
UOMINI
* Fino a 55 kg
* 55 - 60 kg
* 60 - 66 kg
* 66 - 74 kg
* 74 - 84 kg
* 84 - 96 kg
* 96 - 120 kg

DONNE (solo libera)
* Fino a 48 kg
* 48 - 55 kg
* 55 - 63 kg
* 63 - 72 kg

La tenuta regolamentare dell’atleta
La lotta non si può praticare a pelle nuda né sono consentiti olii che rendano più difficile la presa: gli atleti devono indossare dei body aderenti, uno di colore azzurro e l’altro rosso, assolutamente privi di qualsiasi fibbia o cerniera, che potrebbe tagliare o ferire l’avversario.
Anche le speciali calzature da lotta, che coprono il piede fino alla caviglia, non devono avere fibbie né parti metalliche.

Alterline communication - VeronaContattiPrivacyIl club BeautyfitPubblicita' su Beautyfit - info e costitutte in citta'centro - san zenoveronettaPonte catena - savalponte crencano - pindemonteavesa - quinzano - paronaborgo trentoborgo milano - stadiosan massimoborgo veneziaborgo trieste - portosan micheleZAI - Borgo Roma - Santa LuciaCanale sportCanale attrezzature tecnicheCanale alimentazioneCanale medicinaCanale esteticaTorna all'homepageTipi di combattimentiBoxethai boxeSavateSamboArti marzialiKickboxingCapoeira