Sei in Home > Canale Sport > Tecniche di allenamento
Tecniche di allenamento

Aerobico o anaerobico?

L'utilizzo dell'energia durante l'allenamento

Durante l’attività fisica, per effetto della combustione, l’organismo produce delle sostanze propriamente definite come “prodotti della combustione”. Sono CO2; H2O ed acido lattico. Le sostanze che entrano in combustione tra di loro per la produzione di ATP sono: glicogeno; acidi grassi; ossigeno. Naturalmente il tipo di sostanze impiegate varia in funzione del tipo di attività: anaerobica alattacida; anaerobica lattacida o aerobica. Così come varia il tasso di acido lattico prodotto per effetto della suddetta attività. Bisogna sempre ricordare che parte dell’acido lattico prodotto, rientra in circolo come fonte energetica tramite il ciclo di Cori. La funzione delle azioni tecniche neuromuscolari (di riscaldamento) servono per simulare parte dei gesti compiuti nella disciplina che ci interessa, al fine di verificare il modo migliore per richiamare un muscolo. L’addestramento di una qualità determina un miglioramento della qualità stessa.

Le qualità delle quali parliamo sono tutte già presenti nell’individuo, seppur in misura differente da soggetto a soggetto. Per poterle però esprimere al massimo della loro potenzialità occorrerà allenarle adeguatamente e fornire ai muscoli le condizioni ottimali per il miglior funzionamento. Tale situazione implica una buona nutrizione dei muscoli stessi. Per farlo bisognerà ottimizzare il trasporto delle sostanze nutritive e dell’ossigeno, e quindi del sangue. E’ dunque necessario avere una buona rete capillare. Si calcola che nei soggetti sportivi le dimensioni dei vasi possano essere sino a 10 volte maggiori che nei soggetti sedentari. Al fine di ottenere una buona vascolarizzazione, la corsa lenta è considerata tra le migliori attività. Essendo inoltre preparatoria nel compiere qualunque gesto atletico grazie all’afflusso di sangue che ne consegue, questa attività è denominata condizionamento generale, ed è svolto da tutti gli sportivi per migliorare le loro prestazioni, la loro resistenza alla fatica e la capacità di utilizzare al meglio i substrati energetici.

Differenze tra sport aerobici ed anaerobici
Un esercizio di tipo aerobico implica un'attività moderata che utilizza ossigeno per fornire l'energia necessaria alla contrazione muscolare. Si parla di lavoro aerobico infatti quando l'intensità dell'esercizio è leggera, o al massimo moderata, come durante la corsa lenta, la marcia di buon passo, il nuoto prolungato, la bicicletta su percorso pianeggiante, la ciclette, ecc.
Si parla invece di lavoro anaerobico quando l'attività prescelta implica sforzi intensi e di breve durata, con una possibile formazione di acido lattico che si accumula nel sangue, come nello squash, nel salto in lungo, nei 100 e 200 metri, ecc.

Per prepararsi all'attività riscaldiamo i muscoli con lo stretching, o con altra ginnastica, poi iniziamo a camminare lentamente incrementando a mano a mano il ritmo e l'intensità del lavoro muscolare. Ad un certo punto la respirazione inizia ad essere irregolare e si comincia a fare fatica.
Fino a questo momento abbiamo respirato bene e quindi abbiamo fornito ai muscoli la quantità di ossigeno che serviva per i processi di produzione di energia: abbiamo compiuto un lavoro aerobico. Quando l'allenamento diventa troppo intenso viene richiesta una maggiore quantità di energia, ma, non introducendo abbastanza ossigeno con la respirazione, si produce l'acido lattico che comincia ad accumularsi nel sangue e nei muscoli (e che verrà poi lentamente smaltito nelle fasi di recupero). Anche la produzione di anidride carbonica aumenta ed il respiro si fa più intenso. Una respirazione affannosa ed una sensazione diffusa di malessere segnalano che abbiamo superato la soglia anaerobica.
Ciò che distingue il lavoro anaerobico da quello aerobico è appunto la presenza di acido lattico.
Si può quindi definire un esercizio "aerobico" quando l'allenamento è al di sotto del punto in cui inizia la produzione di acido lattico, punto che viene chiamato soglia aerobica.

altri sportSport estremisport sulle ruotesport con la racchettasport d'alta quotasport da combattimentoginnastica artisticaatleticadanzasport acquaticisport di squadracentri fitnessAlterline communication - VeronaContattiPrivacyIl club BeautyfitPubblicita' su Beautyfit - info e costiCanale sportCanale attrezzature tecnicheCanale alimentazioneCanale medicinaCanale esteticaHomeStoria dello sportNutrizione per lo sportI benefici dello sportEtą fisica e biologicaPost allenamentoTest funzionaliSport e bioritmiDoping: cosa c'Ź da sapereRecord e statistiche negli sport